piazza-del-popolo-roma

Piazza del Popolo

Piazza del Popolo è una delle piazze più importanti di Roma: se Piazza di Spagna e Piazza Navona hanno l’aspetto di magnifici e scenografici salotti, piazza del Popolo è invece un luogo in cui la magnificenza dei monumenti e degli edifici viene amplificata dallo spazio enorme che il visitatore si trova intorno.

Ai piedi di villa Borghese, all’imboccatura di via del Corso, circoscritta da una entrata ad Arco, Piazza del Popolo è un esempio pulsante della storia di Roma, mostrano come stili diversi possono convivere e dare luogo a qualcosa di unico. Il nome della Piazza proviene dalla Basilica di Santa Maria del Popolo, ma popolo per molti ha una etimologia “vegetale” in quanto “populus” significa anche pioppo. In questa zona infatti prima dei tempi dei Papi si trovava la tomba dei Domizi in cui era sepolto Nerone e che era circondata da un boschetto di Pioppi.

Papa Pasquale II nell’XI secolo fece edificare la Basilica sulla Tomba, dalla Chiesa prese il nome poi la vicina porta che da porta Flaminia, perché posta sulla Via Flaminia, divenne Porta del Popolo e così fu anche per la piazza, che fino al XIX secolo era una piazza trapezoidale di forme più contenute e che solo nel 1675 e 1678 vide sorgere anche le due Chiese Gemelle (Santa Maria dei Miracoli e Santa Maria in Montesanto) che oggi sono una delle peculiarità più importanti della Piazza. La Prima fontana fu aggiunta nel XVI secolo. Fu solo nel ‘800 che Valadier modificò la Piazza dandogli la forma a esedra che ha oggi e sostituendo la fontana del ‘500 con quella che conosciamo adesso. Questo rinnovamento fu effettuato sotto la spinta dell’urbanistica voluta da Napoleone.

La Fontana ospita al centro l’obelisco Flaminio, obelisco egizio risalente all’epoca di Ramses II e proveniente dal tempio di Eliopoli in Egitto, portato a Roma da Augusto nel 10 a.C. Il Valadier circondò l’obelisco da quattro leoni in stile egizio dalle cui fauci sgorga l’acqua. A dominare la Piazza però è la soprastante Terrazza del Pincio, che collegata con una scalinata rappresenta una delle passeggiate e punti panoramici più amati di Roma. Al di sotto della terrazza si trova un’altra fontana monumentale.

Piazza del Popolo non è solo un luogo turistico: punto di incontro per i giovani Romani al pomeriggio è spesso sede di manifestazioni culturali e concerti. Arrivando dalla fermata della Metro A Flaminio si passa sotto la porta del Popolo (una porta delle antiche mura Aureliane, sopravvissuta fino a noi e nei secoli modificata ed abbellita per diventare un monumento essa stessa) e Piazza del Popolo può diventare il punto di partenza perfetto per una passeggiata verso lo shopping di lusso a Via del Corso, per perdersi nelle vie secondarie del Centro Storico, salire fino al Pincio e godersi la passeggiata tra il verde, i monumenti e la vista sulla Piazza e sul Rione Prati. Il momento migliore è il tramonto per vedere il sole tramontare alle spalle della Cupola di San Pietro.